Master Eco-design & Eco-innovazione e l’arte di produrre arte

17 dicembre 2014     / / / / / / / / / / / /

News_171214

Condividiamo tutta la nostra soddisfazione nel vedere citato all’interno del volume “L’arte di produrre arte. Imprese italiane del design a lavoro” a cura di Pietro Antonio Valentino ed edito da Marsilio Editore, il “Master in Eco-design ed Eco-innovazione” quale unico esempio nel panorama nazionale di un master legato alle tematiche della sostenibilità ambientale e dell’ecodesign. Si sottolinea, inoltre, come la sua nascita è da ricondurre alla volontà di rispondere in maniera diretta ad un’esigenza espressa dal territorio, con l’obiettivo di divenire un driver fondamentale d’innovazione e competitività per il comparto manifatturiero che, al pari degli altri, ha difronte a sé l’esigenza di apportare un deciso rinnovamento delle sue logiche di produzione, gestione e comunicazione del prodotto, verso una maggiore responsabilità sociale e ambientale.

Citando dalla quarta di copertina:

“Il volume intende fornire una fotografia, non statica, sulla dimensione e dinamica delle differenti tipologie di imprese che strutturano l’Industria Culturale e Creativa (icc) italiana. Settore che, direttamente e indirettamente, contribuisce a dare forza, anche innovativa, al nostro sistema economico. Il volume è diviso in due sezioni. Nella prima, si analizza, nelle sue varie articolazioni, struttura e mutazioni del settore culturale e creativo in Italia alla luce degli ultimi dati disponibili e in confronto con i principali Paesi competitori europei. Si approfondisce poi il ruolo e il peso di una specifica classe di attività identificabile con il termine “design”: un ambito che, nelle sue molteplici sfaccettature e articolazioni qualitative non è pienamente rilevato dalle statistiche tradizionali. Nella seconda parte, poiché il design è costituito da imprese e professionalità che sono strettamente connesse con le eccellenze del tessuto produttivo del Made in Italy, si procede a indagini di campo nelle aree di loro più forte concentrazione per identificare le relazioni e le interconnessioni tra formazione, design e imprese, per individuarne i punti di forza e di debolezza, ma soprattutto per mostrare attraverso quali vie il design si trasforma in quel capitale intangibile che arricchisce i prodotti e li trasforma in quelli più competitivi dell’economia italiana sul mercato mondiale.”

Nello stesso volume trova spazio e riconoscimento anche la ormai consolidata realtà di EcodesignLab Srl, spin-off dell’Università degli Studi di Camerino e start up innovativa. Filiazione diretta del know how maturato negli anni all’interno del Master, EcodesignLab (www.ecodesignlab.it) è menzionata quale esempio virtuoso di un proficuo rapporto tra mondo della formazione e del lavoro, in grado di rispondere in maniera mirata alle esigenze di un territorio manifatturiero di lunga tradizione e alta qualità come quello Marchigiano.

Di seguito vi proponiamo le pagine citate per una lettura diretta.

News_171214 News_171214

  /  

0 COMMENTS

LEAVE A COMMENT
You filled this out wrong.
You filled this out wrong.
You filled this out wrong.
You filled this out wrong.